La Lockscreen di iOS 6.1 è nuovamente vulnerabile alle intrusioni

Apple gode di una triste fama per quanto riguarda la sicurezza della schermata di blocco di iOS. Perfino quella di iOS 6.1 è afflitta da una vulnerabilità congenita…

Scoperta la cosa, molti utenti si sono messi a cercare delle modalità di intrusione utilizzando una tecnica, già vista per iOS 4, che coinvolge la funzione di chiamata d’emergenza (questo significa che teoricamente iPad e iPod Touch sarebbero al sicuro da questa vulnerabilità).

Nei due video inclusi in questo articolo avrete l’occasione di vedere come, eseguendo dei passaggi tutto sommato semplici, è possibile bypassare il codice di blocco di un iPhone con iOS 6.1, accedendo all’applicazione Telefono e di conseguenza a dati privati e/o importanti.

Potete provare anche voi:

1. Bloccate il dispositivo.

2. Eseguite uno slide to unlock.

3. Selezionate chiamata di emergenza.

4. Tenete premuto il tasto power fino a quando non appare la schermata di spegnimento. Selezionate annulla, noterete che la barra di stato diventerà azzurra. Ora componete il numero di emergenza (112) e terminate subito la chiamata.

5. Bloccate il dispositivo con il tasto power e riattivatelo con il tasto home.

6. Eseguite nuovamente uno slide to unlock, quindi tenete premuto il pulsante power. Contate per 3 secondi, al terzo secondo premete su chiamata d’emergenza, mantenendo premuto il tasto power. Questa operazione manderà in crash la Lockscreen ed avrete accesso alla schermata dell’applicazione Telefono.

Per riuscire a navigare nel dispositivo, è necessario mantenere premuto il tasto power.

È possibile visualizzare i contatti, le chiamate recenti, la segreteria telefonica, creare un contatto (in questo modo si accede al rullino fotografico), inviare e-mail o messaggi di testo tramite la funzione condividi contatto.

Ci si auspica che Apple risolva questa vulnerabilità con il prossimo aggiornamento iOS.



Fonte: 9to5Mac


2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.