Apple ha chiuso definitivamente MobileMe e iWork.com

Apple ha ufficialmente chiuso il servizio di cloud storage MobileMe. La notizia arriva dopo un periodo di transizione durato un mese, periodo durante il quale gli utenti hanno potuto spostare il loro account su iCloud e trasferirvi i file.

A partire da ieri quindi, il sito web di MobileMe non offre più la possibilità agli utenti di trasferire il proprio account su iCloud, né di scaricare i dati rimanenti. I visitatori del sito, invece, vengono indirizzati verso iCloud.com.

La chiusura di MobileMe segna la fine di un’era imbarazzante per Apple, visto che il servizio è stato ampiamente visto come un fallimento, sia agli occhi dei consumatori sia per il team di Apple, Steve Jobs compreso.

Per descrivere al meglio la cosa, ecco un estratto dal libro di Adam Lashinsky, Inside Apple, che ben spiega la famosa arrabbiatura di Jobs, seguita ad una recensione negativa su MobileMe pubblicata da Walt Mossberg sullo Wall Street Journal:

Nel 2008, quando Mossberg, con una marea di critiche, stroncò MobileMe, un servizio di sincronizzazione e-mail che avrebbe dovuto simulare le funzionalità offerte dai popolari smartphone BlackBerry, Jobs esplose.

Convocò subito una riunione con il team di MobileMe e rimproverò tutti per aver deluso lui e loro stessi. La cosa peggiore di tutte era che avevano messo in imbarazzo pubblicamente Apple. Disse loro: “Avete macchiato la reputazione di Apple. Dovreste odiarvi a vicenda per esservi trascinati tutti quanti così in basso. Walt Mossberg, che è un nostro amico, non scriverà mai più niente di buono su di noi!”.

La giornata di ieri ha segnato anche la fine di un’altra era. iWork.com è stato ufficialmente chiuso per le imprese. I visitatori e gli utenti del sito web saranno automaticamente indirizzati alla home page di Apple senza la possibilità, a quanto pare, di recuperare ulteriori dati.

La strada per iCloud ora è ufficialmente e definitivamente aperta. Chi di voi lo utilizza? Lo ritenete un servizio valido?



Fonte: iDownloadBlog


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.