Protecti: proteggiamo i nostri device dagli utilizzatori indesiderati

Sarà capitato a tutti, prima o poi, di vedersi richiedere il proprio iPhone o iPad da parte di amici e conoscenti, e di restare poi infastiditi dall’eccessiva curiosità di questi ultimi.

Da oggi con Protecti non avrete più questo problema.

[cydia Protecti]

Protecti vi consentirà di proteggere non solo le applicazioni da voi ritenute sensibili impedendone l’esecuzione da homescreen e cartelle, ma ne impedirà l’esecuzione anche a partire dalla casella di ricerca.

Per configurare Protecti dovrete innanzitutto assegnare un gesto di attivazione/disattivazione: in questo modo sarà estremamente facile attivarlo e l’operazione sarà particolarmente discreta in quanto non dovrete aprire nessuna applicazione o impostazione. Il metodo di attivazione infatti sfrutta le gestures configurabili tramite Activator.

Dalla sezione “Choose Apps” potrete scegliere quali app saranno protette una volta che Protecti sarà in esecuzione.

La casella di controllo “ActionVibrate “vi consentirà di attivare o meno il feedback con vibrazione per l’attivazione di Protecti ( naturalmente soltanto su iPhone ).

La sottostante sezione “Password” vi permette di impostare una chiave personalizzata per consentire la disattivazione sicura di Protecti ed evitare che possa essere accidentalmente disabilitato.

ATTENZIONE: vi suggeriamo di fare prima tutte le prove del caso e poi di impostare una password così da non rischiare di rendere inutilizzabile il vostro device.

Dalla sezione “Disable Launch From” sarà possibile selezionare quali metodi disabilitare per il lancio di una determinata app.

Nella sezione “Disable Notification Style” sarà inoltre possibile quali tipi di notifiche vorremo abolire quando Protecti sarà attivato ( ad esempio notifiche nella lockscreen, badge icone, etc. )

Potrete altresì specificare le vostre preferenze nella sottostante sezione “Custom Notification Content” per far apparire un contenuto personalizzato al posto della canonica anteprima all’interno del centro notifiche oppure in lockscreen.

Infine nella sezione “Spot Light Search” potrete impostare quail applicazioni disabilitare per l’esecuzione a partire dalla ricerc spotlight.

Trovate numerosissime altre opzioni per la configurazione nella parte terminale della lista impostazioni di Protecti, tra cui una funzione sperimentale che riguarda la protezione delle foto della quale però vi sconsigliamo l’attivazione in quanto ancora in fase di testing.

Protecti è disponibile tramite la repository di BigBoss a soli 3$ oppure gratuitamente tramite la nostra repository.

Da oggi potrete quindi prestare il vostro iPhone o il vostro iPad senza più preoccuparvi di sguardi indiscreti rivolti ai vostri SMS o alle vostre Foto!

Ricordatevi di cliccare sulle stelline che trovate a fondo articolo per indicare il vostro grado di apprezzamento 🙂


11 commenti

  1. Complimenti per l’articolo u.u
    Ma..o sono io che non ci vedo..o non so cos’altro..ma dove sono le stellina a fondo articolo??=)

    1. Ehmm…colpa mia 🙂 era un “work in progress” quindi non ancora definitivo. Chiedo venia 🙂

      Ti ringrazio per i complimenti, sono graditissimi per noi blogger 🙂

  2. Accidenti come funziona !!!! … io non ho assolutamente ativato la funzione – in fase beta – per nascondere le foto, ma praticamente mi ha costretto a ripristinare l’iphone poichè non riuscivo più a vedere le foto che scattavo ed avviare la videocamera per i filmati !!!!

    DIREI UNA VERA BOMA !!!!! IN NEGATIVO PERO’

    1. Come sempre, prima di recensire un tweak o una qualsiasi app la testiamo personalmete per lungo tempo: io ho testato questo tweak su iPhone3GS e su iPad3 4G+WiFi senza avere nessun problema ( e per esperienza il banco di prova dell’ipad rivela di solito incompatibilità e problemi che spesso non si notano su iPhone ). E’ molto probabile che il problema da te descritto sia scaturito dall’integrazione con altri Tweak. Avresti potuto anche provare a disabilitare Protecti, tramite l’apposito toggle, e poi ad eseguire altri test per verificare se effettivamente il probelema permaneva o invece spariva.
      Mi dispiace tuttavia che tu abbia avuto una simile esperienza negativa: per quanto noi di BYA siamo estremamente attenti e scrupolosi nel segnalarvi le novità avendo cura di testarle accuratamente, c’è sempre una percentuale di casi in cui la sovrapposizione di più tweak ed operazioni scorrette eseguite in precedenza possono portare l’utente a dover ripristinare il proprio device.

  3. Eppoi …. scusa NeoMod … mi sembra che sei italiano … onò ??
    visto che le funzioni sono alquanto complesse e varie da attivare ….. ma mettere la traduzione in italiano ?? …. non sarebbe male !!!

    1. Si, sono Italiano non sbagli. E’ pur vero tuttavia che stando a contatto con la comunità jailbreak e con gli sviluppatori ad essa connessa, una seppur minima conoscenza dei temini inglesi si viene a sviluppare in ciascun utente; sarebbe sicuramente possibile effettuare una traduzione ( e dalla prossima volta lo farò, così da agevolare tutti ) tuttavia essendo i titoli delle impostazioni in Inglese se si utilizzano i termini inglesi è più semplice per l’utente non-anglofono identificare le opzioni da modificare mediante il semplice “confronto diretto” tra il termine usato nella recensione e quello riportato dall’applicazione.

      Inoltre spero di fare un discreto lavoro cercando di spiegare sempre tutte le funzioni disponibili per un tweak corredando l’articolo di screenshot illustrativi: nel caso di Protecti, alcune opzioni sono chiaramente destinate ad una fetta di utenti esperti e pertanto ho preferito focalizzarmi sulla possibilità di fornire una “guida pronta all’uso” per tutti gli utenti che volessero installarlo e renderlo funzionale in appena cinque minuti, anche senza conoscenze specifiche in materia.

  4. bello, funziona e basta non toccare troppo le impostazioni finche non si conoscono gli effetti.
    trovo comodo averlo impostato su triplo click del tasto home.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.