Apple annuncia il nuovo iMac da 27 pollici con display Retina

Come era stato ampiamente previsto grazie ad alcune righe di codice di OS X Yosemite, Apple ha presentato durante l’evento di ieri sera il nuovo iMac da 27 pollici con display retina, andiamo a vedere insieme le caratteristiche….

Cattura

Durante lo “Special Event” di Ottobre, Apple non ha rinnovato completamente la linea degli iMac ma si è semplicemente limitata ad introdurre un nuovo modello che va a formare la famiglia degli “iMac con Retina display”, un po’ come era avvenuto pochi anni fa con i MacBook.

Seguendo la strategia adottata in passato con i MacBook Apple ha deciso di utilizzare il display retina solamente sul modello con display più grande di iMac ovvero il 27 pollici.
Questo nuovo dispositivo, con il suo display da 27 pollici con risoluzione 5120 x 2880 è stato definito “il device con la risoluzione più alta del mondo”, per fare un confronto basta sapere che l’iMac con schermo classico attualmente in commercio presenta una risoluzione di 2560 x 1440.

DSC_0634_verge_super_wide

Il nuovo display ha 14.7 milioni di pixel, 7 volte quelli di una televisione HD, il 67% in più rispetto a quelli di un display 4K, proprio per questa ragione Apple ha chiamato lo schermo di questo device “Retina 5K”.

DSC_0639_verge_super_wide

Nonostante la risoluzione decisamente alta, i nuovi modelli mantengono lo stesso formato dell’iMac attualmente in commercio, lo schermo, grazie ad un nuoco chip chiamato Oxide TF consumerà anche il 30% in meno di energia rispetto al passato.

Oltre allo schermo 5K che rappresenta sicuramente la grande novità, il nuovo iMac Retina avrà anche:

  • Processore i5 Quad Core da 3.5Ghz (per il modello base)
  • Scheda grafica AMD Radeon R9 M290X
  • 8 Gb di Ram
  • Disco Fusion Drive da 1 Tb

Il prezzo di questo nuovo iMac parte in Italia da 2629.00€ ma si può arrivare anche a sfiorare i 4000 a seconda della configurazione scelta, ovviamente restano in commercio allo stesso prezzo anche i modelli presenti fino ad oggi.



Fonte: The Verge


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.