[Cydia] AppButton introduce un nuovo metodo per la gestione dell’AppSwitcher

Il settore che gravita attorno all’AppSwitcher di iOS è da sempre al centro dello sviluppo di numerosi tweak e applicazioni dedicate che cercano di semplificarne l’accessibilità o migliorarne le caratteristiche di base, specialmente a seguito delle novità introdotte a partire da iOS 8.

ab_intro

Non sorprende dunque vedere l’ennesimo tweak ad esso dedicato, seppur con un approccio del tutto nuovo e per alcuni versi molto più interessante delle altre alternative: AppButton si limita infatti a rendere più accessibile” l’AppSwitcher di iOS 8 senza tuttavia sostituirlo integralmente.

ab_gen

Malgrado il nome, AppButton non ha nulla a che fare con una comune applicazione: in breve, si tratta di una sorta di “scorciatoia” per visualizzare tutte le applicazioni attualmente in esecuzione in background all’interno di un pratico pannello a comparsa.

ab_sett

Il pannello riepilogativo può essere visualizzato, per impostazione di default, con un semplice swipe a partire dall’area sensibile delineata da AppButton come una sorta di AssistiveTouch: colore e riempimento dell’area sensibile sono personalizzabili tramite le Impostazioni del tweak.

ab_aspetto

Se lo desiderate è anche possibile rimuovere ogni sorta di effetto grafico dal suddetto pulsante, come ad esempio il contorno e l’effetto sfocato, anche se ciò renderà piuttosto difficile la sua localizzazione in seguito.

ab_aspetto2

Il sistema di controllo predefinito di AppButton potrebbe però risultare poco pratico per alcuni, in quanto un semplice sfioramento ne comporta l’attivazione e per ragioni organizzative si finisce sempre per avere la sua interfaccia sovrapposta a qualche controllo o a qualche applicazione.

ab_comp

Potete tuttavia porre rimedio a questo inconveniente tramite la sezione Comportamento nelle Impostazioni del tweak, abilitando il toggle “Inverti Controlli” e se desiderate nascondere il pulsante quando non necessario potrete configurare un metodo di attivazione (grazie all’integrazione con Activator) tramite la sezione Metodi di Attivazione avendo cura di abilitare il toggle Alterna Modalità.

Purtroppo il comportamento di AppButton non è del tutto perfetto: il pulsante di controllo infatti non resta nascosto a seguito dello blocco del dispositivo e talvolta sono necessari alcuni tentativi prima di riuscire a nasconderlo correttamente.

ab_comp3

Sempre tramite Activator è possibile specificare due azioni rapide da associare al singolo tocco e al doppio tocco del pulsante visualizzato da AppButton.

ab_acrtivator2

Altra caratteristica interessante di AppButton è la possibilità di abilitare una gesture predefinita per la chiusura veloce delle applicazioni in esecuzione, ad eccezione di quelle eventualmente presenti nell’apposita whitelist.

ab_comp2

La sezione Applicazioni Preferite dovrebbe consentire l’accesso rapido alle applicazioni utilizzate più di frequente incluse nell’apposita lista, anche se il metodo di attivazione di questa funzione non è ancora perfetto e spesso si perde più tempo nel tentativo di accedere a tale sezione piuttosto che nel cercare l’applicazione desiderata sulla SpringBoard.

ab_pref

Nel complesso AppButton è un tweak interessante il cui grande pregio sta nel cercare di sviluppare un metodo di gestione dell’AppSwitcher realmente innovativo, senza cercare di emulare i grandi tweak del passato che ormai hanno assistito ad un regolare declino dopo l’arrivo di iOS 8.

Le potenzialità sono notevoli, specialmente per i possessori dei nuovi iPhone 6 Plus o di iPad laddove le maggiori dimensioni dello schermo consentono una migliore gestione dell’area di selezione delle applicazioni.

AppButton è disponibile su Cydia per circa 1,40 mediante la Repository di BigBoss, ma se desiderate provarlo prima dell’acquisto vi ricordo che potete trovarne una versione gratuita all’interno della Repository di BiteYourApple.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.