[BYA Tips] Google Maps introduce la funzionalità “offline” anche su iOS

Una tra le esigenze più sentite da parte dei viaggiatori è sicuramente quella di poter memorizzare le cartine topografiche di principale interesse per il successivo utilizzo off-line, e questo nel corso del tempo ha sempre comportato una serie di escamotage non sempre facili da realizzare…

gmapsoffline

Spesso infatti si era addirittura costretti ad “abbandonare” le informazioni fornite dalle ottime Mappe di Google poiché raggiungibili solo tramite una connessione ad internet, ma con la nuova versione di Google Maps per iOS tutto questo sta per diventare un lontano ricordo.

Piuttosto che dover sempre ricorrere ad una connessione dati per poter visualizzare i luoghi di interesse e le strade nelle quali non desideriamo perderci, Google Maps offre ora la possibilità di salvare una copia cache della mappa che stiamo consultando per poterla sfruttare anche off-line.

Purtroppo l’intolleranza di Apple nei confronti di Google ha privato gli utenti del pratico e semplice “Rendi questa area della mappa disponibile offlinepresente sulla controparte Android, ma per fortuna esiste un semplicissimo comando tramite il quale ottenere la medesima azione.

Una volta avviato Google Maps, localizziamo l’area da memorizzare per il successivo accesso off-line e scegliamo un livello di zoom adatto alle nostre esigenze.

In generale, più l’area sarà visualizzata con un basso livello di zoom e maggiori saranno le informazioni memorizzate per tutti i successivi livelli di ingrandimento: quindi potremo passare dalla visualizzazione grossolana di una città, ad esempio, all’analisi di ogni strada e vicolo contenuti nell’area delimitata in origine. Viceversa varrà il contrario in fatto di riduzione dell’ingrandimento partendo da un ingrandimento iper-dettagliato.

Localizzata l’area di nostro interesse, rechiamoci all’interno della Casella di Ricerca e digitiamo la seguente frase facendo attenzione a rispettare l’ordine delle maiuscole: “OK Maps”.

(è davvero ironico pensare a quanto il comando risulti simile al famigerato OK Glass, specie se considerato in contrapposizione a Siri…)

gmapsoffline-(1)

Non preoccupatevi degli eventuali risultati proposti: una volta selezionato il pulsanteCerca” tramite la tastiera infatti l’applicazione non eseguirà la ricerca ma provvederà invece al salvataggio in locale dell’area identificata sulla mappa.

gmapsoffline-(2)

Purtroppo l’unico vero inconveniente di tale metodo è l’impossibilità di eliminare i dati presenti nella cache tramite procedura automatica: dovrete infatti sfruttare iFile (oppure iFunBox se il vostro dispositivo non è jailbroken) per raggiungere la cartella situata in Applicazioni –> Google Maps –> Library –> Caches ed eliminarne il contenuto.

gmapsoffline-(3)

Tuttavia, fatta eccezione per questo piccolo disagio, poter sfruttare l’ottima cartografia di Google anche in assenza di una connessione ad Internet potrà sicuramente tornarvi utile in moltissime circostanze, specie quando è di fondamentale importanza poterne sfruttare le informazioni dettagliate per orientarsi correttamente.



Fonte: GadgetBlog


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.