Apple mantiene anche ad aprile 2013 la leadership delle vendite di smartphone negli USA

La società di ricerca comScore ha diramato nelle scorse ore i numeri riguardanti i possessori di smartphone in abbonamento, limitatamente agli Stati Uniti, nel trimestre gennaio-aprile 2013. Apple ha guadagnato terreno in entrambe le graduatorie, sia come produttore, sia a livello di piattaforma software.

comscore-april-2013-02

Partendo da quest’ultima graduatoria, in vetta alla classifica di comScore svetta ancora Google con il 52,3% degli utenti, in calo dello 0,3% rispetto al trimestre precedente.

L’azienda di Cupertino continua a guadagnare terreno con un aumento dell’1,4% in termini di sottoscrizioni, passando dal 37,8% al 39,2%. In perdita anche BlackBerry (-0,8%) e Microsoft (-0,1%).

comscore-april-2013-01

Passando invece alla graduatoria dei produttori, Apple allunga il passo nei confronti della diretta concorrente Samsung. L’incremento dello 0,6% nelle vendite di smartphone in uscita dalla casa Coreana infatti non basta per togliere a Cupertino lo scettro di primo venditore di smartphone.

HTC, Motorola ed LG, nel frattempo, continuano nella loro fase di stallo.

Nell’ecosistema dei 183,5 milioni di smartphone in circolazione negli Stati Uniti, Apple ha confermato anche nell’ultimo trimestre la leadership tra gli OEM (original equipment manufacturers), con un incremento dell’1,4% rispetto allo scorso gennaio.

Samsung si piazza al secondo posto con un dignitoso 22%, in aumento dello 0,6%. Seguono HTC (8,9%), Motorola (8,3%) e LG (6,7%), tutte e tre in calo rispetto alla rilevazione precedente.

A differenza della maggior parte delle società di ricerca, che stilano i loro rapporti tenendo conto anche delle spedizioni dei dispositivi, comScore tiene traccia dell’effettivo utilizzo dei dispositivi, grazie ai dati forniti dalla tecnologia MobiLens.



Fonte: 9to5Mac


1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.