Saurik è già riuscito ad eseguire il Jailbreak dei Google Glass!

Jay Freeman, fondatore di Cydia meglio conosciuto con lo pseudonimo di Saurik, non ha perso tempo con i suoi nuovi Google Glass, riuscendo in pochissimo tempo ad ottenere i permessi di root del dispositivo ed eseguendo di fatto un vero e proprio Jailbreak!

glassbroke-tb

L’hack, a quanto pare, sarebbe stato più facile del previsto:

Mi ci sono volute circa due ore, durante una cena con degli amici.

Ora che Saurik si è garantito questo tipo di accesso potrebbe, ad esempio, inibire la facoltà di Google di disattivare da remoto i Glass. Per ottenerlo, Freeman ha utilizzato un exploit già noto all’interno del firmware Android 4.0.4 per prendere il controllo sia della parte audio che della parte ottica del dispositivo.

Ovviamente, allo stato attuale di questo Jailbreak, non possiamo sapere se l’exploit utilizzato da Saurik sarà efficace anche sulla versione retail dei Google Glass, una volta che essa sarà disponibile.

Sempre ieri un secondo hacker, Liam McLoughlin, è riuscito a garantirsi i privilegi di root sui suoi Google Glass.

Mountain View non ha ancora reagito ufficialmente alla notizia, ma quando Freeman ha contattato un dipendente di Google, quest’ultimo è rimasto piuttosto sorpreso sentendosi dire, dal baffuto Saurik, che i suoi Google Glass avevano la funzione di debug attiva, quando in realtà non ci sarebbe nemmeno dovuta essere!

Di una cosa possiamo essere certi: di fronte ad un software libero, le possibilità per gli sviluppatori possono espandersi esponenzialmente!

In genere, Google si rivela sempre abbastanza collaborativa con gli sviluppatori che mettono mano ai suoi prodotti, vediamo cosa accadrà per i Google Glass!



Fonte: phoneArena


5 commenti

    1. in realtà è “fuori luogo” ritenere sia una prerogativa degli iDevice 😉 l’evasione, o Jailbreak, è l’abbattimento delle barriere imposte dai costruttori così da ottenere piena libertà d’azione su un dispositivo…non ha molta importanza quale sia il suo sistema operativo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.