[Guida] Utilizziamo iFaith per salvare correttamente Certificati SHSH e APTicket

Nel corso dei giorni appena trascorsi abbiamo appreso, nostro malgrado, dell’errore commesso da Cydia nel gestire i Certificati SHSH e gli APTicket ed abbiamo cercato di guidare i nostri lettori attraverso la comprensione del problema e l’utilizzo di alcuni strumenti utili ad arginare i potenziali problemi successivi.

iFaith

Avevamo inoltre anticipato la realizzazione di un breve videotutorial che potesse rendere chiara la procedura di recupero e verifica dei Certificati SHSH e degli APTicket.

Vogliano scusarci gli utenti che già dovessero avere familiarità con iFaith e con le sue procedure se questa guida sembrerà fin troppo banale, ma volevamo che chiunque potesse comprenderne l’utilizzo e salvare così i propri certificati.

Requisiti Iniziali

La versione di iFaith utilizzata nel corso del seguente videotutorial e alla quale si fa riferimento nella stesura del presente articolo è la 1.5.7 scaricabile direttamente tramite questo link.

Desidero chiarire, ancora una volta, che la presente procedura è valida solo per i possessori dei seguenti dispositivi:

  • Apple TV 2
  • iPad 1
  • iPhone 3G[S]
  • iPhone 4
  • iPod Touch 2°, 3° e 4° Generazione

Nella fattispecie inoltre gli unici dispositivi che possono beneficiare appieno dei certificati così ottenuti e memorizzati sono:

  • iPhone 3G[S]
  • iPhone 4
  • iPod Touch

Per alcuni dispositivi ( tra cui quelli elencati in precedenza )  esistono infatti dei casi-limite che consentono determinate operazioni di downgrade/ripristino ma che non sono assolutamente generalizzabili:

  • I possessori di iPad 2 possono effettuare un downgrade verso qualsiasi versione di iOS 5.x soltanto a patto di possedere i certificati validi sia di iOS 4.x che di iOS 5.x. Il downgrade può essere effettuato anche a partire dall’ultima versione di iOS 6 ma non è assolutamente una procedura consigliabile tranne che in casi di estrema necessità.
  • I possessori di iPad 3 e iPhone 4S che abbiano ancora installato iOS 5.x possono tentare la procedura detta di re-restore” per re-installare una nuova versione di iOS 5.x, sempre a patto di possedere i certificati validi per il medesimo firmware. Oltre che sconsigliata, la procedura è intrinsecamente instabile e in circa la metà dei casi può risultare in errori casuali o comunque non risolvibili.
  • I possessori di iPad 2 che abbiano ancora installato iOS 5.x potrebbero sfruttare la procedura descritta in precedenza per iPad 3 e iPhone 4S ed eseguire così un “re-restorema se hanno effettuato un Aggiornamento OTA questa procedura viene a decadere.

Risultato Finale

L’utilizzo di iFaith vi consentirà di salvare in locale gli attuali certificati validi per iOS 6.x e di verificare inoltre quali certificati validi siano presenti sui server di Cydia e su quelli di iFaith (qualora lo abbiate utilizzato in passato).

Gli utenti che non avessero in precedenza salvato i propri Certificati SHSH e i propri Ticket APT in locale e che pensino di poterli recuperare da Cydia tengano ben presente la potenziale inutilità di una tale procedura: anche riuscendo a recuperare suddetti certificati, essendo questi una copia di quelli presenti sui server di Cydia non sono assolutamente immuni dagli errori di archiviazione e pertanto sono del tutto inutili. In un numero molto ristretto di casi iFaith potrebbe “certificare” i file provenienti da Cydia e identificare come corretto l’APTicket, ma vi sconsigliamo caldamente di utilizzare suddetti file.

Al termine delle procedure descritte potrete così conoscere l’effettiva validità dei vostri certificati e conservarne una copia valida sul vostro computer.

Infine per tutti gli utenti che ci hanno chiesto istruzioni in merito a TinyUmbrella ricordo che l’utilizzo di questo software è pressoché inutile vista l’attuale situazione in quanto:

  1. TinyUmbrella si limita al salvataggio dei certificati quando è ancora aperta e valida la finestra di certificazione offerta da Apple. Pertanto ora non potrebbe recuperare le versioni corrette da salvare in locale.
  2. TinyUmbrella recupera i certificati direttamente da Cydia, pertanto ancora una volta si tratta di file invalidati all’origine e del tutto inutili.

5 commenti

    1. Al momento non c’è niente da fare: l’unica e non aggiornare per non perdere la compatibilità con il JB. Non è previsto nel prossimo futuro la realizzazione di un metodo di downgrade per iPhone 5 ( e successivi probabilmente) a causa dei bootloader aggiornati e del Chip A5[X]

    1. Dovresti cercarli con iFaith su Cydia per ios 6.1.3 e poi creare il custom firmware solo che la versione attuale di iFaith non lo permette ancora purtoppo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.