Come trasformare una Micro Sim in Nano Sim

Dopo aver utilizzato la Micro Sim su due generazioni di iPhone e su 3 di iPad Apple ha deciso di passare ad un nuovo standard in modo da guadagnare spazio all’interno del nuovo iPhone 5. Sul nuovo melafonino infatti Apple ha deciso di utilizzare le Nano Sim. In questo articolo andremo a vedere come trasformare una Micro Sim in Nano….

L’operazione che vi stiamo proponendo richiede molta precisione ed è decisamente più complicata rispetto al passaggio da Sim a Micro Sim. La motivazione sta ne fatto che in questo caso va modificato anche lo spessore della Sim card.

Se siete in Italia e avete come gestore Vodafone potete risparmiarvi la fatica dato che l’operatore ha fatto sapere che effettuerà la sostituzione gratuitamente.
Se invece avete un altro operatore, vi verranno chiesti dai 10 € in su per la sostituzione una cifra davvero alta per una operazione molto semplice, quindi vale la pena provare la nostra guida.

Di cosa abbiamo bisogno:

  • Un taglierino o delle forbici
  • Carta vetrata
  • Un righello
  • Tanta, ma tanta pazienza

Iniziamo dicendo che le dimensioni della sim dopo l’operazione dovranno essere:

  • Altezza 8.8 mm
  • Larghezza 12.3
  • Spessore 0.67 mm

Dopo aver eseguito le misurazioni procedete al taglio delle parti in eccesso nella Sim, successivamente aiutandovi con la carta vetrata diminuite lo spessore. Tutte le operazioni vanno eseguite con molta calma e precisione, se qualcosa dovesse andare storto e doveste rovinare il chip della Sim recatevi in un punto di assistenza del vostro operatore e procedete alla sostituzione.



Vi lascio un video dimostrativo:

[via]


16 commenti

  1. Cioè, avete i soldi per 800€ di smartphone e non 10 per una sim? xD Seems legit. Ritenuto un prezzo altissimo poi… Ma fatemi il piacere, cazzo.
    Ok, tutti vorranno spendere 10 euro in erba piuttosto che buttarli nei cestini di Tim o merda varia, ma oh… Che lagnoni.

  2. salve una domanda ho la scheda normale grande della vodafone e vorrei prendere iphone 5 se vado nel centro vodafone me la cambiano gratuitamente con la nano sim o devo avere la micro sim per fare questo passaggio?

  3. luca corbucci, risparmiamo 10€ ma un calibro digitale che ne costa una 40ina ovviamente in casa ce l’abbiamo tutti…………… un consiglio vai a scrivere su topolino

    1. Per eseguire l’operazione non è richiesto il calibro digitale, nell’articolo non è neanche menzionato. Sempre che tu l’abbia letto l’articolo o forse tu sei uno di quelli che vengono qua solo per offendere e quando facciamo qualcosa di buono neanche ringraziano?

  4. @luca (luca topolino)
    ..se leggi non c’è scritto da nessuna parte che bisogna effettuare la misurazione con un calibro digitale.
    Comunque si, spendo malvolentieri 800€ per il telefono (malvolentieri perchè mi piacerebbe pagarlo meno) ma non mi faccio problemi per gli 800 perchè in primis ne ho uno smerdaio, in secondo luogo perchè non è possibile pagarlo meno.
    Invece l’operazione del taglio della sim è un operazione che mi permette di risparmiare 10€, e anche se 10€ in più o in meno in tasca non mi cambiano un cazzo, preferisco tenerli in saccoccia o spenderli per qualcos’altro invece di arricchire ulteriormente le compagnie telefoniche. Il sunto è che siccome a me non regala niente nessuno, non vedo il motivo per cui io dovrei regalare 10€ a wind o chi per essa.

  5. Le micro adesso le usano anche i modelli economici. Si risparmiano 10 euro, un’ ora in negozio e per chi è fuori mano qualche decina di kilometri di strada.
    Sono sempre informazioni utili per i tanti che tengono un calibro in casa.

  6. @ marsel87
    … o forse il sunto è che non hai una mazza da fare nella vita (tipo ad es. lavorare) per cui hai tempo e voglia di metterti a grattare le sim con la carta vetrata pur di non dare 10 euro alla TIM…

    Cordialità

    1. Forse sei lontano dall’italia su una nave di crociera che rientra ad aprile e hai il iphone 5 nelle mani? Prova ad avere una visione un po piu ampia, questo articolo non e’ solo per qui sta a casa come te.. Complimenti per l’articolo e chi dedica il suo tempo per aiutare agli altri!

  7. Mi aggrego ai sostenitori della mente e della manualità dinamiche! Ma dico io ci deve essere sempre qualche lingua avvelenata che deve sputare sentenze sulla propria inadeguatezza? Questo è sempre puro e totalmente sostenibile SAPERE e nessuno obbliga nessuno a fare niente. Chiaro che però ci debba essere sempre qualche imbecille “che i libri li brucia” e preferisce avere qualcuno che gli ordini cosa deve pensare e fare. Ottimo lavoro Luca!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.