iPhone 5 e Lighning Dock: ecco cosa accadrà ai vostri accessori

Un certo grado di confusione e disinformazione è naturale e quasi inevitabile nel momento in cui una nuova tecnologia viene annunciata al pubblico senza un supporto informativo adeguato e, nel caso della Apple e del suo nuovo iPhone 5, senza la presentazione di informazioni chiare e sintetiche in merito.

Apple infatti non sta certo aiutando i suoi clienti a capire quali siano realmente le potenzialità, le incompatibilità e le nuove funzioni offerte dal suo nuovo connettore Lightning e dai relativi adattatori con il precedente standard a 30 pin. Per rendersene conto basta dare uno sguardo alla criptica pagina delle specifiche per l’adattatoreLightning to 30-pin” presso l’Apple Store Americano.

Durante la stesura di questo articolo ho visto cambiare la descrizione di questo prodotto almeno tre volte, e spero che questa sia la versione definitiva anche perché è quella meglio riuscita dal punto della semantica.

Uno dei primi drammatici interrogativi che hanno colpito gli utenti in procinto di spendere la bellezza di 39$ per questo prodotto riguardava la dicitura “non supporta l’uscita iPod”: in definitiva l’utente era portato a pensare che il suo nuovo iPod sarebbe stato del tutto incompatibile con un qualsiasi accessorio comprato in precedenza, come ad esempio una docking station con altoparlanti integrati.

Tuttavia almeno questa “caduta di stile” è stata scongiurata, grazie allo staff di TUAW che ha impiegato circa otto ore per mettersi in contatto con gli addetti alle vendite Apple e chiarire il significato di quella definizione: il termine inglese “iPod Out”, traducibile in italiano come “uscita per iPod”, in realtà si riferiva ad una caratteristica fantasma per iPod introdotta con il lontano iOS 4 e che permetteva, soltanto in alcune automobili, di collegare l’iPod al computer di bordo sfruttandone il display per visualizzare una sorta di mirroring dello schermo dell’iPod. Una caratteristica che credo conoscesse il 10% dell’intera popolazione statunitense, ma la cui semplice definizione ha fatto preoccupare l’80% degli acquirenti.

Un’altra carenza di questi nuovi – e costosissimi – adattatori riguarda il supporto per gli standard HDMI e VGA: al momento non è infatti possibile sfruttare questi adattatori per connettore i precedenti accessori utilizzati per trasportare il segnale video di iPhone e iPod su altri schermi. Questa caratteristica verrà ripristinata – quale strana coincidenza – con l’introduzione di un futuro cavo dedicato Lighting-to-HDMI il cui prezzo, naturalmente, possiamo solo temere.

Secondo alcuni analisti questa scelta sarebbe stata accuratamente ponderata per forzare l’utilizzo del Wireless Streaming con AirPlay e quindi indurre gli utenti all’acquisto di periferiche dedicate allo scopo.

Naturalmente le “sorprese” non finiscono qui, dato che l’introduzione del nuovo connettore microDock ha di fatto resi obsoleti centinaia – se non addirittura migliaia – di accessori per iPhone prodotti negli anni scorsi. Basti pensare a quanto racconta Michael Muller, fondatore degli Starwood Hotels, che ha speso la modica somma di 70.000$ per sostituire tutte le radio equipaggiate con dock per iphone nelle 600 stanze di un suo hotel americano.

Cerchiamo dunque di sfruttare il tempo tra il rilascio dell’iPhone 5 negli USA e la sua commercializzazione in Italia per fornire una panoramica ai nostri lettori circa il nuovo standard di connettori e i relativi adattatori.

Esistono tre diversi adattatori Apple che possono essere sfruttati per rendere compatibile la nuova porta Lightning con il vecchio connettore a 30 pin: il primo di essi è un dongle da 30$ che assomiglia molto ad un Camera Connection Kit e permetterà di utilizzare una buona parte degli accessori attuali con il nuovo iPhone.

Il secondo adattatore è invece un adattatore da microUSB a Lightning  che permetterà in Europa, al modico prezzo di 25$, di poter ricaricare il proprio iPhone disponendo di un cavo USB. L’introduzione di questo adattatore si è resa necessaria affinchè lo standard di ricarica del nuovo Iphone fosse in linea con le attuali regolamentazioni europee, tuttavia permetterà anche alle attuali batterie esterne di poter essere utilizzate con il nuovo iPhone 5; ancora una volta però la Apple fa mistero del perché questo adattatore sia disponibile solo ed unicamente per i paesi europei. Sebbene la legge non lo preveda, anche un cittadino statunitense potrebbe trovare utile questo adattattore.

Infine Apple mette a disposizione un cavo “ibrido con il nuovo connettore Lightning ad una estremità e un conettore a 30 pin femmina sull’altra estremità: al prezzo di 39$ questo adattatore, identico al primo per funzioni, permetterà di avere una qualche autonomia di movimento per raggiungere posti difficilmente accessibili.

Discorso a pare riguarda le Dock Station : sebbene si potrebbe teoricamente sfruttare l’adattatore fornito da Apple per rendere compatibile l’iPhone 5, le dimensioni dell’adattatore sono così grandi da impedirne il corretto funzionamento.

In più molte delle attuali Docking Station sono compatibili anche con gli iPod, ma il nuovo iPod Nano presenta l’ennesima sfida organizzativa visto il suo connettore spostato di lato.

Per fortuna il Bluetooth 4 offre una possibilità molto gradita a tutti gli utenti che desiderino ancora poter utilizzare le proprie docking stations con altoparlanti integrati: è possibile infatti acquistare il WaveJamr, un adattatore prodotto dalla Radtech, in grado di trasformare una vecchia dock station in una stazione wireless auto-alimentata al costo di soli 40$.

In definitiva ci saranno accessori indispensabili per rendere compatibile il nuovo iPhone 5 con quelli già in vostro possesso, ma non fiondatevi subito sull’acquisto di ogni singolo sostituto anche perché nel corso del prossimo anno potremmo assistere a qualche miglioria da parte di Apple per rendere un po’ meno caotico il mondo degli accessori, complice anche il presunto rilascio di iPhone 5S.


Fonti :


6 commenti

  1. Penso che Apple spinga molto ad utilizzare AirPlay che le connessioni fisiche.
    Però è davvero uno scandalo che Apple se ne freghi di tutti(utenti e produttori di accessori) cambiando in continuazione.

    Per quanto mi riguarda non sono più disposto ad accettare questo monopolio cieco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.