Parrot AR.Drone 2.0: nuove caratteristiche direttamente dal CES di Las Vegas

Proprio questa mattina si sono aperte le porte del Consumer Electronic Show 2012, una sorta di fiera dell’elettronica che si svolge ogni anno in una località diversa del mondo. Uno degli articoli che entusiasmerà di più gli appassionati Apple è la seconda generazione del dell’AR.Drone della Parrot, il famosissimo “quadricottero”  munito di videocamera che si controlla da smartphone e tablet.

 

Una delle novità più importanti introdotte nel secondo modello è la videocamera HD da 720p che da finalmente la possibilità di girare video. E’ stata introdotta una nuova modalità, la modalità traveling, grazie alla quale potremo programmare un tracciato di volo che verrà eseguito automaticamente nell’intervallo di tempo da noi prestabilito: una specie di pilota automatico! L’hardware di AR.Drone include un sistema MEMS, una combinazione di accelerometro, giroscopio, magnetometro e barometro in grado di offrire stabilità all’oggetto volante, anche in alta quota. Sono stati inclusi anche a 2 nuovi sensori ad ultrasuoni e 4 lamine per rendere più fluido e regolare il volo.

Verrà rilasciata anche la versione 2.0 dell’app per il controller, sia su AppStore che su Android Market; il prezzo del modellino rimane fisso a 299$.

[via]


6 commenti

  1. >una sorta di fiera dell’elettronica che si svolge ogni anno in una località diversa del mondo

    Il CES è da qualche anno che è a Las Vegas inoltre non è una sorta di fiera dell’elettronica ma è una delle più importanti fiere dell’elettronica di consumo… informatevi prima !

    1. Si lo sappiamo Mikka volevo semplicemente dire che non si fa ogni anno a Las Vegas.
      Hai ragione, non è una sorta di fiera dell’elettronica bensì una delle più importanti! Mi sono espresso male…
      Non c’è bisogno di arrabbiarsi, la stessa cosa poteva essere detta in altro modo; sotto forma di consiglio tanto per dirne una.
      Grazie comunque per avercelo fatto notare.

  2. Ciao Riccardo,volevo farti i cmpnlioemti per questo articolo e spero davvero che ci saranno altre occasioni per scambiarci idee e consigli su come realizzare un’applicazione di successo.Volevo dirti che sono daccordo sul fatto che è meglio creare una applicazione migliorativa di un’altra già esistente piuttosto che crearne una totalmente innovativa specialmente se si punta a guadagni discreti.Anche concentrarsi di carpire i bisogni di una particolare nicchia di mercato è sicuramente la strategia da adottare attraverso l’analisi di eventuali commenti o feedback che le persone lasciano anche se purtroppo di rado..Un’altra considerazione che mi viene da aggiungere, che potrebbe essere anche aggiunta nella lista che hai suggerito, è di capire effettivamente quanto è satura la tua nicchia di mercato cercando di capire quanto è già presente la concorrenza (# di applicazioni di quel tipo) rispetto alla grandezza effettiva della nicchia (# di persone interessate a comprare un’applicazione di quel tipo).Ecco forse il motivo per cui hai creato una piu’ che buona applicazione di calcio ma venduto relativamente poco (anche se piu’ di 2000 applicazioni vendute secondo me è un bel traguardo).E’ vero che la nicchia delle persone amanti del calcio su iphone sarà grande ma è anche vero che è anche una nicchia forse satura dalla concorrenza.Ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.