Grayd00r, nuova vita per i device più datati

In passato ci è capitato più volta di parlare (e di provare) Whited00r, oggi siamo davvero molto felici di mostrarvi un nuovo tool sviluppato dallo stesso dev, si tratta di Grayd00r, andiamo a vedere insieme come funziona e cosa ci permette di fare.

Grayd00r2

Lo sviluppatore di Whited00r, mattewre, ci ha contattato qualche giorno fa per parlare del suo ultimo progetto personale, si tratta di Grayd00r un tool che compatibile con molti dispositivi Apple considerati “datati” che da molto tempo non ricevono più aggiornamenti.
Se conoscete Whited00r avrete probabilmente già capito a cosa serve il nuovo Grayd00r, questo tool infatti ci permette di apportare alcune personalizzazioni sui device Apple compatibili ovvero:

  • iPad 1
  • iPod Touch 3G

L’idea dello sviluppatore è quella di estendere, con un futuro update, il supporto anche ad altri device come l’iPod Touch di quarta generazione e l’iPhone 3GS.

Grayd00r si comporta diversamente rispetto al fratello maggiore Whited00r, infatti non avremo un custom firmware da installare sul nostro dispositivo mediante iTunes ma ci troveremo davanti un tool.
Il tool in questione risulta molto semplice da utilizzare anche per gli utenti meno esperti dato che basterà semplicemente un click per avviare tutta la procedura.

Una volta avviato il procedimento verrà prima eseguito il Jailbreak del nostro dispositivo e poi sarà installata l’applicazione Grayd00r da cui andremo ad apportare le modifiche vere e proprie.
Le modifiche effettuate dal tool riguardano vari aspetti del sistema operativo:

  • La UI verrà modificata per essere più simile a quella che troviamo su iOS 9
  • Verrà aggiunto un control center simile a quello che abbiamo da iOS 7
  • L’app Switcher dell’iPad verrà modificato, non avremo più quello presente su iOS ma troveremo invece la funzionalità “Slide Over” identica a quella di iOS 9
  • Grayd00r sfrutta al massimo l’hardware non troppo avanzato dei vecchi device Apple, grazie a delle migliorie che sono state apportate al software di Cupertino infatti sarà possibile utilizzare applicazioni e tweak senza saturare la RAM del dispositivo.

thumbnail

Grayd00r può essere scaricato tramite questo link, su YouTube  trovate anche la guida all’installazione creata dallo stesso sviluppatore.
Al momento il progetto non è ancora maturo al 100% per questo motivo è possibile trovare bug o malfunzionamenti di ogni tipo.
Nel caso in cui doveste riscontrare dei bug vi invitiamo a segnalarli allo sviluppatore in modo da aiutarlo a migliorare Grayd00r.


19 commenti

      1. Grandissimi 🙂 quando avrete fatto annunciatelo a biteyourapple o commentate questo link cosi mi metto subito a fare questo tool

  1. Stupendo, questo fine settimana provo subito a metterlo sull’ipad1!! Che voi sappiate si riesce a far girare whatsapp? dopo gli ultimi aggiornamenti non ci sono riuscito più…

    1. Intendi usando quei tweak per abilitare l’installazione dell’applicazione anche su iPad, che tuttavia non sarebbe instancabile? Sinceramente non abbiamo provato, ma magari indaghiamo se non va…

      1. Ma dite che riuscirete ad estendere tale vostro splendido progetto anche ad iPhone 4/4s iPad 3/4? Attendo news! 😀

  2. Un progetto che seguo da tanto e che sembra molto interessante. Non vedo l’ora di installarlo sul mio ipad 1. Alla prossima versione (un po’ più stabile) proverò a installarlo sul mio dispositivo.

    1. Usi il tuo iPad 1 come dispositivo primario? Attualmente non è stabile ma al massimo con un respring i problemi scompaiono, quindi io stesso sto usandolo senza grossi problemi (ho a disposizione iPad più recenti ma da un anno mi sono imposto di usare solo iPad1 per percepirne i limiti e le problematiche che affliggono gli utenti, in modo da offrire un Grayd00r migliore). Inoltre dall’ultima versione ci sono gli aggiornamenti OTA, quindi non dovrai più ripristinare o fare procedure noiose.

  3. Ma whited00r è stato abbandonato? Il mio iPod Touch 2G MC ha ricevuto un solo e superinstabile custom firmware (Whited00r 7)…..

    Comunque andrò controcorrente, ma a me piacerebbe molto di più un fw custom con la grafica di iOS 6 che quella attuale.

      1. Mi dispiace che consideri questo una “perdita di tempo” e inviti gli utenti a non provarlo. Stiamo proprio cercando di allargare il nostro bacino di utenti perché fino ad ora l’aiuto della community è stato abbastanza irrisorio.
        Sarebbe utile avere un resoconto, feedback, post nel forum riguardo i problemi, inclusi step per riprodurli al fine di trovare una soluzione.

      2. Scusate il commento, non è il mio strumento primario, devo dire che il progetto è sicuramente fantastico ma come dite voi non è maturo, non avevo capito fino a che punto non lo era, credevo che la versione stabile fosse discretamente stabile. Ma purtroppo ho installato un tweak e il dispositivo non si è più riavviato. Apprezzo da morire il lavoro che c’è dietro ma forse non ho più la pazienza di ripristinare. Quindi per chi si vuole divertire consiglio di installarlo. Il lavoro fatto è straordinario. Vi auguro di riuscire nel vostro progetto.

      3. Grazie! (per caso ti ricordi il nome del tweak: purtroppo la stabilità è già attualmente delicata per i cavoli suoi, la compatibilità con altri tweak -soprattutto se vanno ad agire su cose già modificate da noi- è ancora un lavoro da affrontare).

    1. Hai aggiornato all’ultima versione? Ci sono stati cambiamenti radicali. In ogni caso confermo che la stabilità non è ancora garantita e abbiamo bisogno di feedback e step per riprodurre i bug/crash.

  4. salve, ho ripristinato l’ipad come e l’ho configurato come nuovo ipad nel momento in cui faccio partire grayd00r mi dice che non rileva nessun dispositivo e di riprovare cosa può essere?

    1. da iTunes viene visto ed è attivato?
      Che versione di windows hai? 32bit o 64bit? Sul forum di grayd00r trovi delle indicazioni addizionali per risolvere eventuali problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.