Apple pagherà 0.2$ per ogni canzone ascoltata in streaming durante il periodo di prova gratuita su Apple Music

Dal “New York Times” arriva una notizia piuttosto interessante riguardante Apple Music ed in particolare il periodo di prova gratuita durante il quale sarà possibile ascoltare musica in streaming gratuitamente…

musicapple

Così come avviene su Spotify, anche Apple ha deciso di pagare gli artisti e le case discografiche anche durante il periodo di prova gratuita del servizio di streaming musicale Apple Music.
Apple pagherà 0.2 centesimi di dollaro per ogni canzone che ogni utente andrà a riprodurre gratuitamente durante il periodo di prova.
Secondo Billboard invece, l’azienda potrà andare a pagare altri 0.047 centesimi di dollaro per ogni canzone ascoltata, solamente in alcuni casi, per un pagamento totale di 0.247 centesimi.

Inizialmente Apple non aveva intenzione di pagare gli artisti per la musica resa disponibile durante il periodo di prova del servizio ma, a causa delle ultime lamentele avanzate da Tailor Swift e da altri artisti, la decisione è stata cambiata.
I 20 centesimi di dollari che Apple destinerà agli artisti durante il periodo di prova sono una quantità di denaro molto bassa rispetto al pagamento che invece si riceverà dopo l’attivazione dell’abbonamento.

Al momento, Apple sta ancora lavorando per completare alcuni accordi con vari artisti, ieri è stata concluso l’accordo con Beggars Group e Merlin Network, rappresentanti di 20.000 produttori e distributori di musica.

Apple Music verrà lanciato ufficialmente il 30 Giugno insieme ad iOS 8.4, il costo del servizio sarà di 9.99€ al mese per un singolo abbonamento, 14.99€ per il pacchetto famiglia con 6 abbonamenti.



Fonte: MacRumors


3 commenti

  1. Scusate quindi Apple pagherebbe 1 dollaro ogni 5 brani riprodotti? Se un utente riproduce 50 brani Apple sborsa 10$? E come guadagna se l abbonamento costa 9.99$?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.