[Rumors] iPhone 6S, addio al Pulsante Home: tutte le funzioni integrate nel display, incluso il TouchID

L’attesa per il prossimo modello di iPhone 6 è sempre più insistente così come lo sono i rumors che immancabilmente precedono la commercializzazione di un nuovo prodotto Apple: tuttavia l’ipotesi odierna, se veritiera, potrebbe davvero cambiare il modo in cui sfruttiamo questo dispositivo.

iphone6srumors

Stando a quanto riportato nella giornata di ieri dal portale taiwanese DigiTimes, Apple starebbe cercando di mettere a punto una soluzione personalizzata che riunisca in un solo chip le funzioni del TouchScreen e del Display.

L’integrazione touch-display (TDDI, dall’acronimo touch-and-display-driver-integration) avrebbe come conseguenza anche la scomparsa del TouchID così come siamo abituati a concepirlo, ovvero integrato nel Pulsante Home.

Il TuochID infatti diverrebbe parte del nuovo sensore integrato consentendo ad Appple, teoricamente, di eliminare il Pulsante Home in favore di una soluzione integrata del tipo all-in-one che sfrutterebbe lo schermo non soltanto come dispositivo di tocco ma anche come strumento per l’autenticazione biometrica dell’utente.

Apple sta sviluppando per i propri iPhone una soluzione integrata per display e touch screen (TDDI) all’interno di un singolo chip, secondo le fonti all’interno dell’industria di produzione di Taiwan.

Le soluzioni TDDI a singolo chip vedranno inoltre integrato un sensore biometrico per le impronte digitali (…) Questo nuovo chip sarà dedicato alle future generazioni di iPhone che potranno così essere ancora più sottili e con schermi molto più ampi, sfruttando un design più lineare che elimina la necessità del Pulsante Home.

Indubbiamente il TDDI è la nuova frontiera della tecnologia, e non stiamo parlando di futuro remoto: Synaptics ha già introdotto nel corso di quest’anno il primo dispositivo del genere con il ClearPad 4191 e 4291, i primi dispositivi ad integrare in una sola interfaccia display e funzioni capacitative.

E’ interessante notare che i risultati ottenuti da Synaptics si sono resi possibili in seguito all’acquisizione della Rensas SP Drivers, la stessa azienda per la quale Apple aveva cercato di negoziare l’acquisizione all’inizio di quest’anno.

Questo potrebbe significare la riapertura del contratto di fornitura per Apple da parte di Synaptics, malgrado le indiscrezioni trapelate sembrino indicare che l’azienda di Cupertino sia alla ricerca di una soluzione “home made” per raggiungere il medesimo scopo.

Quanto al Pulsante Home il DigiTimes, basandosi sui precedenti brevetti rilasciati da Apple, sostiene che questo possa essere l’ultimo tassello del puzzle necessario per consentire l’eliminazione dell’unico pulsante ormai tipico degli iPhone.

Le funzioni del Pulsante Home verrebbero integrate all’interno del display, permettendo ai futuri iPhone di aumentare considerevolmente le dimensioni dello schermo oppure di ridurre le dimensioni complessive pur restando negli stessi fattori di 4.7” e 5.5” attualmente disponibili.


Fonti :


5 commenti

  1. Scusa, ma dove hai letto che i rumors lo prevedono nell’iphone 6s? Il titolo va modificato. E’ assolutamente certo che questa tecnologia non vedrà mail la luce sul prossimo iphone. Sarebbe già un miracolo se spuntasse nell’iphone 7.

      1. Ovvio, ma i rumors non hanno mai ipotizzato che potesse già essere disponibile nell’iphone 6s. Quindi il blog ha riportato male la notizia ed anzi sembra proprio fatto apposta per ottenere più visite. Questo è uno di quei comportamenti che ti fa venir voglia di cancellare il blog dai propri feeds.

      2. Leggi i tag di MacRumors dalla fonte…
        Ci dispiace che la pensi in questo modo, ma non abbiamo bisogno di creare dei titoli “ad-hoc” per far cliccare gli utenti sul nostro articolo.

        Nessuno ti obbliga in nessun caso a seguirci se la pensi diversamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.