La dichiarazione ufficiale del Team TaiG: “Non esiste alcun jailbeak per iOS 8.2”

L’intensa sequela di “botta e risposta” tra il Team TaiG e la Comunità Jailbroken continua ad inasprirsi con l’arrivo dell’ennesima dichiarazione ufficiale che mette in guardia gli utenti: non esiste alcun tool per il jailbreak di iOS 8.2, i rumors sono falsi”.

jbnonexistenttaigdeclaration

Sembra che il teatro delle marionette tra sviluppatori, hackers e collaboratori sia destinato a durare in eterno almeno per quanto riguarda la comunitá jailbroken, laddove probabilmente le grandi cifre coinvolte hanno decisamente influenzato le dinamiche di rilascio dei tool.

Il fulcro delle speculazioni è stato il Mobile Security Summit del 2015 a Beijing, presso il quale il Team TaiG (autore dell’omonimo TaiG Jailbreak) ha rivestito un importante ruolo di moderatore ed accentratore cercando di creare un ambiente unificato dove gli sviluppatori di tutto il mondo potessero confrontarsi sulle tematiche inerenti il jailbreak e le strategie future in vista dei nuovi firmware.

Lo scopo del summit è stato tuttavia travisato e una serie crescente di presunti leak e rumors sembrava addirittura ipotizzare il rilascio imminente di un jailbreak per iOS 8.2.

Tale eventualità è stata infine smentita da parte dello stesso Team TaiG che cosí commenta l’accaduto nella sua dichiarazione ufficiale:

Lo sviluppo e la pubblicazione di un tool per il jailbreak sono stati inficiati da fattori differenti, tuttavia vogliamo sia chiaro che la volontà del Team Taig è di rilasciare un jailbreak per iOS 8.2 il prima possibile.

In questi giorni tuttavia abbiamo visto diffondersi in internet rumors circa il rilascio di un tool per il jailbreak di iOS 8.2 da parte del Team Taig. Qualsiasi informazione al di fuori dei Canali Ufficiali del Team TaiG non deve essere ritenuta affidabile.

Infine desideriamo ringraziare i media e gli utenti per l’interesse e il supporto dimostrati. A voi tutti garantiamo che faremo del nostro meglio per proseguire.

Il jailbreak di iOS 8.2 è ancora lontano dunque e non una realtà prossima al rilascio, cosí come il progetto preannunciato da TinyUmbrella Rewrite per il downgrade dei dispositivi piú recenti.

In definitiva la parola chiave per tutti gli utenti è ancora una volta pazientare, in attesa di comunicazioni ufficiali da parte del Team TaiG.



Fonte: iClarified


1 commento

  1. Senza aver nulla da obiettare sul contenuto dell’articolo, mi permetto di dare qualche opinione sulla scrittura.

    Se l’attività è il “jailbreak” (evasione), la comunità non è “jailbroken” (evasa), ma è semplicemente la “comunità DEL jailbreak”. A differenza di un dispositivo su cui è stato fatto un jailbreak, allora quello sì può essere definito “dispositivo jailbroken”.

    Il grassetto andrebbe usato per pochissime parole e concetti chiave, non per metà delle parole di un paragrafo: così confonde e appesantisce la lettura.

    Infine l’allineamento giustificato: per l’interfaccia mobile, dove le righe sono molto brevi, sarebbe sconsigliato in quanto la distribuzione delle parole viene pesantemente deformata, rendendo preferibile un semplice allineamento a sinistra.

    Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.