[BYA Tips] Condividere una foto senza inoltrare anche i rispettivi metadati grazie ad una piccola applicazione

Scattare una foto e poi condividerla con amici, colleghi e parenti è ormai un’attività semplice e quasi quotidiana per moltissimi utenti: iMessage, WhatsApp, Facebook, e Twitter sono, per citarne solamente alcuni, trai più diffusi ed utilizzati servizi per tale scopo.

metaphgointro

Ciò che tuttavia spesso dimentichiamo è che insieme alle nostre foto condividiamo anche delle preziose informazioni ad esse associate che in alcuni casi potremmo non voler divulgare: dimensioni, modello della fotocamera, ISO, velocità otturatore, posizione, data e ora di scatto sono soltanto alcune delle informazioni che genericamente vanno sotto il nome di metadati e che inconsapevolmente condividiamo ogni giorno con il solo invio di una immagine.

[app id=914457352]

Solitamente le operazioni di rimozione dei metadati potrebbero sembrare “lunghe e noiose” ma soprattutto richiederebbero un computer sul quale essere eseguite, costringendo l’utente a rinunciare a tale processo in virtù della facilità e dell’immediatezza di condivisione delle immagini da smartphone o tablet.

Tuttavia grazie ad iOS 8 ed ad una piccola applicazione dedicata tutto il processo potrà essere portato a termine direttamente sui nostri iPhone o iPad in pochi semplici passaggi: Metapho è infatti una piccola applicazione che assolve a questo scopo ed ha da poco ricevuto un importante aggiornamento che la rende decisamente più pratica e versatile.

[img url=http://itunes.apple.com/it/app/metapho-manage-photo-metadata/id914457352]

Metapho consente di rimuovere tutti i metadati da una fotografia prima della sua condivisione e con la versione attuale permette di usufruire di questa funzione a partire dal menu di condivisione immagine di iOS 8, semplificando così la procedura di invio delle immagini.

In aggiunta a questa funzione, che rimuove permanentemente i metadati da una foto e ne salva la versione così ripulita nel Rullino Foto, Metapho dispone anche di una funzione di Safe Share che consente di condividere una versione temporanea dell’immagine senza alcun tipo di metadati.

All’interno dell’applicazione è inoltre possibile visualizzare i dati associati a ciascuna immagine prima di rimuoverli grazie ad un semplice visualizzatore di immagini che però, come ben specificato dagli sviluppatori, non supporta benissimo la visualizzazione delle immagini panoramiche.

Disponibile gratuitamente su AppStore, ed ottimizzata anche per i più recenti iPhone 6 e iPhone 6 Plus, Metaphoto necessita tuttavia dello sblocco delle funzioni premium per funzionare correttamente.

Lo sblocco, ottenibile tramite acquisto in-app, costa appena 1,79€ e consente di avere accesso a tutte le funzioni dell’applicazione senza alcuna limitazione.

Per chi fosse in vena di puntualizzare specifico che Metapho necessita di un iPhone o di un iPad per funzionare e che senza una foto (non uno screenshot) non funziona correttamente. Oh, quasi dimenticavo: dovete anche scaricare l’applicazione, non basta leggere le prime cinque righe dell’articolo per vederla materializzarsi sul vostro dispositivo. 😉


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.