La produzione in massa dell’Apple Watch potrebbe prendere il via soltanto a gennaio 2015

A pochi mesi dal debutto negli Stores dell’Apple Watch, atteso per l’inizio del 2015, Cupertino è ancora al lavoro sugli ultimi dettagli costruttivi e commerciali del suo primo dispositivo indossabile. Secondo AppleDaily, con queste premesse, la produzione in massa dello smartwatch potrebbe prendere il via non prima del prossimo mese di gennaio.

Apple-Watch

Per la produzione del dispositivo, Apple si è rivolta allo storico partner Quanta Computer, che nel frattempo sta assumendo un esercito di circa 40.000 nuovi dipendenti per riuscire a soddisfare gli ordini in arrivo dagli USA in vista del rilascio pubblico. L’accordo preso con l’azienda Taiwanese vieta inoltre alla stessa di produrre smartwatches per le dirette concorrenti Apple nel comparto, tra cui Samsung e Motorola.

A dispetto delle speculazioni degli ultimi mesi quindi, Apple sembra aver affidato l’intero processo di assemblaggio dell’Apple Watch allo stabilimento Quanta con sede a Changhsa. Nel recente passato, anche la Invented era stata accostata alla lista dei papabili produttori del dispositivo.

La scelta di optare per un unico fornitore/assemblatore, il cui ultimo caso noto è rappresentato dall’iPhone 6 Plus, prodotto esclusivamente da Foxconn, è una vera rarità per Apple, che in genere suddivide il carico di lavoro tra più aziende per la produzione dei propri dispositivi.

Qualora la domanda dell’Apple Watch dovesse crescere oltre le aspettative, Cupertino potrebbe aggiungere uno o due partners alla lista dei produttori del dispositivo. Tuttavia, per il momento, l’intenzione della società è quella di mantenere uno stretto controllo su uno dei suoi progetti più ambiziosi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.