Il Jailbreak di iOS 10.2 potrebbe arrivare grazie ad un update di Yalu

1763 6

Luca Todesco, lo sviluppatore del tool che consente l’esecuzione del Jailbreak di iOS 10.1.x, ha annunciato l’arrivo di un update per questo software che potrebbe aggiungere il supporto ad iOS 10.2.

Il Jailbreak di iOS 10.1.x, eseguibile con il tool Yalu è attualmente in versione beta, ovviamente lo sviluppatore Luca Todesco è al lavoro per garantire il supporto ad un numero maggiore di dispositivi.
In un tweet recente Luca Todesco ha annunciato che la sua soluzione per il Jailbreak di iOS 10.1.x potrebbe ben presto essere estesa per supportare anche iOS 10.2.
Purtroppo c’è un vincolo abbastanza importante che riguarda i possessori di iPhone 7 e iPhone 7 Plus, questi dispositivi infatti non saranno infatti compatibili con la nuova versione di Yalu.


iPhone 7 e 7 Plus non sembrano infatti presentare una vulnerabilità presente invece su tutti gli altri dispositivi a causa delle maggiori misure di sicurezza a livello hardware. L’assenza di questa vulnerabilità non garantirebbe una stabilità nell’utilizzo del dispositivo e permetterebbe solamente di ottenere l’accesso come Root.

La speranza è che un aggiornamento di questo tool possa arrivare a breve, sulla vicenda ha detto la sua anche Saurik che sembra piuttosto convinto dal nuovo approccio tentato da Luca Todesco.
Ovviamente, almeno per il momento, vi sconsigliamo di eseguire l’aggiornamento ad iOS 10.2 visto e considerato che le versioni precedenti di iOS (10.1.x) saranno a breve tutte Jailbreakkabili.

Info Autore

(Ex) Studente liceale, sportivo amante del calcio, del motociclismo e del ciclismo, interessato da tutto quello che riguarda la tecnologia e maniaco dei prodotti Apple. Blogger per BYA dal Dicembre 2011

6 commenti on "Il Jailbreak di iOS 10.2 potrebbe arrivare grazie ad un update di Yalu"

  1. Carlo

    Da possessore di iphone7 10.1.1 , conviene fare ora il jailbreak? È abbastanza stabile?
    Ho visto che ci sono un bel po’ di tweak compatibili ma a che punto siamo con il mobile substrate?

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *